Pre-odini Note 7 già iniziati: in America da agosto, Italia da settembre

Pre-odini Note 7 già iniziati: in America da agosto, Italia da settembre

Samsung ha gia' introdotto la sua tecnologia di riconoscimento dell'iride in un prodotto consumer prima, nel tablet Galaxy Tab Iris con l'idea che questo nuovo sensore biometrico possa risolvere il fastidio di dover utilizzare altri sistemi per l'identificazione dell'identità. Samsung Galaxy Note 7 potrebbe avere uno schermo da 5,7 pollici di diagonale che visualizza a video ad una risoluzione Quad HD di 1440 x 2560 pixel.

Un altro aspetto importante è che lo scanner non deve essere esposto alla luce diretta del sole e deve essere posto ad almeno 25 - 35 centimetri dagli occhi dell'utente.

A parte questo, sarà da verificare quanto possa essere vanificata una scansione dell'iride in presenza di un paio di occhiali o lenti a contatto, che per un numero non indifferente di persone, potrebbe rappresentare davvero un problema.

Dalla grandezza del file si presume non ci saranno ulteriori novità in vista; come per la build sopra per Samsung Galaxy S5 basterà attendere una notifica push che vi richiederà di installare il software su smartphone; basterà quindi accertarsi di avere una buona connessione Wi-Fi e il dispositivo al 70% carico. Non c'è introduzione, nessuno che parli: solo lo scanner dell'iride in azione. Il filmato, che pare sia autentico, prova la velocità e l'efficienza del sistema per lo sblocco del phablet. Si tratta di una caratteristica fra le più innovative del dispositivo, che dovrebbe riprendere quanto di buono ha introdotto sul mercato Galaxy Note 5 aggiungendo uno slot per schede di memoria e hardware ancora più potente. Il brand coreano questa mattina ha avviato la distribuzione del firmware G930FXXU1APGF per coloro che dispongono del modello no brand e, a sorpresa, anche per la versione marchiata Tim che molto spesso è l'ultima a fare questo step tra quelle che sono in commercio nel nostro Paese.