Pokemon Go, la "realtà aumentata" di Nintendo: è già un fenomeno globale

Pokemon Go, la

In estrema sintesi i giocatori devono catturare i Pokémon esplorando il mondo reale con la "realtà aumentata", ovvero la tecnologia che aggiunge elementi digitali alle immagini del mondo vero. "Se una palestra di Pokemon Go sar anche buono", stata la sentenza.

Pokemon Go ha in questi ultimi giorni spinto al rialzo le azioni Nintendo sopra i 22 dollari, con un incremento pari al 9,3% al giorno del lancio.

Fortunatamente non ci sono state conseguenze serie, visto che il ragazzo se l'è cavata con qualche escoriazione ma le forze dell'ordine consigliano di evitare simili comportamenti. Sparsi per al città, poi, ci sono i Pokéstop, punti in cui è possibile trovare bonus e potenziamenti che fanno aumentare il livello allenatore. La Nintendo, che produce il gioco sviluppato da Niantic, ringrazia i pokemon e festeggia i 30 miliardi di dollari di capitalizzazione superati in pochi giorni grazie alla App. E ha la tipica semplicit Nintendo capace di divertire con leggerezza. La compagnia, originariamente appendice di Google, crea giochi e applicazioni in Realtà aumentata che sfruttano la posizione degli utenti. Mentre la polizia di New York ha lanciato l'allarme, il dipartimento dei trasporti di Washington, invitando gli automobilisti a non utilizzare l'applicazione al volante, ha coniato il neologismo pokemoning, giocare a Pokémon. Pikachu è anche etimologo, volendo. Altro che la fiaba dell'efficienza. Man mano che i giocatori aumentano di livello si potranno catturare Pokémon più potenti e accedere a strumenti potenziati. Ciò ha scatenato una caccia al Pokémon fisica e concreta, dove i giocatori, invece di muovere il proprio avatar nel mondo del gioco, muovono se stessi nel mondo reale. E mentre il museo ha richiesto formalmente che la propria posizione venga rimossa tra quelle incluse nel gioco, Pokémon Go continua a crescere, trasformandosi in un fenomeno mondiale. Quello che hanno dimostrato è che il nome dei Pokemon ha una forza davvero incredibile, ma insomma, questo lo sapevamo già.

I ricercatori di sicurezza avvertono che gli utenti dovrebbero andare nella sezione "Autorizzazioni" della app, al fine di verificare se una versione non ufficiale del gioco è stata infettata. Ne vuoi uno di tipo erba-coleottero? "Sappiamo già che l'esercizio aiuta enormemente le persone con depressione, o con altri problemi di salute mentale - sottolinea John Grohol, uno dei curatori del sito - ma essere motivati a fare esercizio quando si è depressi è molto difficile". Può sembrare un'affermazione fuorviante, e certamente nei risultati ottenuti in alcuni campi lo è. Poi con Alessandro Papa, l'operatore video compagno di molte avventure, siamo andati all'esterno perché in realtà l'app all'interno dell'edificio perde spesso il segnale Gps e dunque "va in bomba". Non lo vedi, eppure c'è, basta guardare attraverso la telecamera. Ma questa è un'altra storia.

Intanto, sulla rete iniziano ad apparire i primi annunci di professional trainer di Pokemon Go. Da ora, come annuncia il portale esperto Macynet, l'accesso tramite Google avverrà soltanto con ID utente ed email, le uniche info utili per poter fare il login e l'account di Pokemo Go. Nel frattempo cerchiamo Mew al Colosseo.