Veneto Banca: 100% di Atlante, aumento di capitale verso il fallimento

Veneto Banca: 100% di Atlante, aumento di capitale verso il fallimento

Secondo me sbagliano".La questione è creare un mercato di 120 miliardi di attività illiquide: "si tratta di spostare 120 miliardi dai bilanci delle banche agli investitori privati, e 120 miliardi è una quantità minima.

Quasi in zona Cesarini i grandi azionisti scendono in campo sull'aumento di capitale di Veneto Banca. Tra il centinaio di presenti ci sarebbero stati anche Luca Ferrarini (Ferrarini-Vismara), l'industriale trevigiano Bruno Zago (Pro-Gest e anche presidente attuale dell'associazione), Giorgio Batacchi (immobiliare) e Giannantonio Parolini (edilizia). Il fondo si è impegnato a sottoscrivere l'eventuale inoptato dell'aumento di capitale da 1 miliardo di Veneto Banca a patto di avere almeno il 50,1% dell'istituto.

Dunque l'intervento salva-banche si spiega, secondo Guzzetti, perché "siamo un Paese molto bancocentrico", dove le imprese e le famiglie per avere prestiti, mutui, si rivolgono alle banche, dunque "è chiaro che se falliscono le banche il sistema va in crisi", sostiene Guzzetti rimarcando inoltre che, in Italia, va affrontato un altro problema, quello delle sofferenze bancarie, condividendo quanto affermato ieri da Alessandro Penati, presidente del Fondo Atlante, al Festival dell'Economia di Trento.

Sull'intervento di Atlante, che ha sottoscritto un accordo di sub-garanzia con il consorzio di garanzia dell'aumento, ha detto: "Spero di non diventare azionista".

"Verrà approfondito il tema dell'aumento di capitale in attesa del prospetto informativo previsto per lunedì - è la spiegazione dell'associazione al Sole 24 Ore - in ogni caso l'idea di base è quella di aderire all'aumento: bisogna credere nella banca, renderla autonoma e non cederla ad Atlante". Condizione che permetterà all'offerta in opzione della ricapitalizzazione di partire mercoledì per concludersi entro la fine del mese.