Sale il tasso disoccupazione, per i giovani è al 36,9%

Sale il tasso disoccupazione, per i giovani è al 36,9%

Nella zona euro ad aprile il tasso di disoccupazione è rimasto fermo al 10,2 per cento. Dopo il calo di marzo (-1,7%), secondo i dati dell'ista la stima dei disoccupati è risalita dell' 1,7% (+50 mila), tornando al livello di febbraio. Nel mese di aprile, i residenti in Germania in attività lavorativa si sono attestati a 43,34 milioni di unità, segnando un aumento di 548 mila rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (+1,3%). Un andamento analogo si registra nelle restanti classi di età: ad aprile cresce il tasso di occupazione (+0,3% tra i 25-34enni e +0,1% tra gli over 35) e cala il tasso di inattività (-0,4% tra i 35-49enni e -0,2% nelle classi 25-34 anni e 50-64 anni).

Il tasso di occupazione si è attestato al 56,9%, in rialzo +0,2 punti percentuali su base mensile. L'aumento di aprile, su base mensile, riguarda sia i dipendenti (+35 mila i permanenti, stabili quelli a termine) sia gli indipendenti (+16 mila). Il tasso di disoccupazione è pari all'11,7%, in aumento di 0,1 punti percentuali su marzo. Diminuiscono infatti gli inattivi, cioè quelli che non hanno un lavoro e non lo cercano, e aumentano quanti hanno un impiego (occupati) oppure sono alla ricerca (disoccupati). L'aumento e' attribuibile alle donne (+4,2%), mentre si registra un lieve calo per gli uomini (-0,4%).

Scendendo nel dettaglio dei dati italiani, il maggio numero di occupati nell'ultimo mese è nel comparto degli Over 50, anche per le rigide norme della Legge Fornero, con un aumento di 25.000 occupati al aprile e di 261.000 in un anno. Ad aprile si osserva una consistente crescita della partecipazione al mercato del lavoro determinata dall'aumento contemporaneo di occupati e disoccupati e un corrispondente forte calo degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,8%, pari a -113.000).

Per l'Istat il tasso di disoccupazione nel mese di aprile è salito all'11,7%, ma contemporaneamente gli occupati sono aumentati di di 51.000 unità.

Infine un dato positivo, nel periodo febbraio-aprile sono aumentati gli occupati (+0,2%, pari a +35 mila) rispetto ai tre mesi precedenti. La crescita degli occupati è "interamente attribuibile" ai dipendenti permanenti grazie all'aumento di 279 mila occupati a tempo indeterminato, mentre sono risultati in calo sia i dipendenti a termine sia gli indipendenti.

I disoccupati in Italia, oggi come oggi, sono circa tre milioni, e ad aumentare il popolo dei senza lavoro sono soprattutto le donne, con un +4,2%, mentre diminuiscono gli uomini disoccupati.

Su base annua si conferma la tendenza all'aumento del numero di occupati (+1,0%, pari a +215 mila).