Omicidio Cox, deputata aveva ricevuto minacce. Uccisa per la Campagna Brexit

Omicidio Cox, deputata aveva ricevuto minacce. Uccisa per la Campagna Brexit

Londra - Per l'assassiniodella deputata laburista Helen Joanne Cox, avvenuto lo scorso 16 giugno, a Birstall, vicino Leeds, è stato arrestato Thomas Mair, 52 anni. La fazioni cercano di mettere a tacere "le esagerazioni e la radicalizzazione del linguaggio", che, ha detto oggi il cancelliere tedesco, Angela Merkel, "non aiutano a creare un'atmosfera di rispetto".

A Londra migliaia di persone si sono unite in una veglia corale, in memoria di Jo Cox.

Il presidente Usa Barack Obama ha avuto una colloquio telefonico con Brendan Cox, il marito di Jo Cox, la parlamentare inglese uccisa.

Da notare che anche secondo un sondaggio del Sunday Times mostra che coloro che sono a favore della permanenza nell'Ue sono ora in lieve vantaggio sui contrari, ma aggiunge che nonostante il sondaggio sia basato su interviste fatte tra giovedi' e venerdi', a far cambiare le posizioni degli elettori non e' stato l'uccisione della deputata laburista ma la preoccupazione per l'impatto economico della Brexit. Lo ha reso noto la polizia. Per Southern Poverty Law Center, Mair era "un impegnato sostenitore" di National Alliance.

Ma l'uomo -che viveva da solo dopo esser cresciuto con la nonna, morta nel 1996, in una casa popolare a Birstall, una strada dove la Cox aveva un ufficio e poco lontano dal luogo dove e' stato uccisa- non era il solo a odiarla. Mair sarebbe anche abbonato da 10 anni alla rivista dello Springbok Club, un gruppo razzista anti-Ue simpatizzante del vecchio apartheid sudafricano che nell'ultimi numero ha lanciato un appello alla Brexit per fermare a "le societa' multiculturali" e "l'Islam espansionista".

Jo Cox aveva ricevuto delle minacce.