Ecoballe, al via la rimozione a Giugliano e Villa Literno

Ecoballe, al via la rimozione a Giugliano e Villa Literno

È la prima grande operazione di bonifica ambientale e di legalità. Lo afferma Angelo D'Agostino, deputato e vice presidente di Scelta Civica. Nel sito, posto al confine tra le province di Napoli e Caserta, si trovano più di 5 milioni di ecoballe, depositate negli anni dell'emergenza rifiuti. "La rimozione delle ecoballe e il risanamento del sito della ex Isochimica rappresentano l'avvio di un'operazione di bonifica anche per la zona Pianodardine; un'operazione da tempo sollecitata dai cittadini e dagli amministratori della Valle del Sabato".

L'operazione, resa possibile da uno stanziamento governativo di 450 milioni di euro, 100 dei quali già per il 2016, è stata accolta con entusiasmo dal presidente della regione De Luca, dal Ministro Giachetti e da Legambiente. Il governatore ha assicurato che nell'arco di due anni e mezzo tutta la Campania sarà pulita. Non vanno dimenticate le azioni forti e anche provocatorie che abbiamo condotto in questi anni come la campagna "adotta un'ecoballa" che hanno avuto anche una rilevanza internazionale - si legge nella nota -. In occasione dei primi carichi, il presidente della Giunta regionale, Vincenzo De Luca, terrà una conferenza stampa all'interno del sito di Taverna del Re.

TAVERNA DEL RE- Via all'operazione di rimozione delle ecoballe in Campania. "L'inizio della rimozione delle ecoballe è un atto storico per la Campania, un risultato fondamentale raggiunto solo grazie alla collaborazione istituzionale - continua Cozzolino - Il governo si sta impegnando concretamente per la nostra regione". Direzione Spagna, Portogallo e in un secondo momento Romania.

Sul rischio per la salute, De Luca ha promesso "il più sofisticato screening mai fatto in Europa, forse neanche nel mondo" sul grado di connessioni tra inquinamento da rifiuti e insorgenza di mali incurabili. E una volta che i rifiuti verranno inertizzati saranno destinati alla ricomposizione morfologica di cave dismesse. Potevamo fare la scelta opportunistica di girarci dall'altra parte. "E se non avessimo deciso di intervenire queste ecoballe sarebbero rimaste qui per secoli".