Brexit, Renzi: "Uscire dall'Europa sarebbe una scelta sbagliata"

Brexit, Renzi:

"Visto dall'Italia, un voto in favore dell'uscita dall'Europa non sarebbe un disastro, una tragedia o la fine del mondo per voi nel Regno Unito. Chi vuole veramente che la Gran Bretagna sia piccola e isolata?".

Il primo ministro del Governo italiano, nel messaggio rivolto agli elettori della Gran Bretagna che domani saranno chiamati alle urne per esprimere il loro consenso o dissenso nel restare a far parte dell'Unione Europea, sembra invocarli a "non fare la scelta sbagliata". "Sarebbe peggio, perché sarebbe la scelta sbagliata - tuona Matteo Renzi - Sarebbe un errore del quale innanzitutto voi elettori paghereste il prezzo". Poi si è detto certo della "forza e della dignità di una democrazia che può essere aspramente divisa su tutto ma che comunque sa rispondere unita all'odio, all'impensabile, all'assurdo". "Se c'è una cosa che i britannici non hanno mai fatto di fronte ad una sfida riguardante il loro futuro, la loro identità, è quella di compiere la scelta sbagliata. Si scambierebbe l'autonomia per la solitudine, l'orgoglio per la debolezza e l'identità per l'autolesionismo".

"Noi europei rispetteremo la vostra voce, la vostra scelta, la vostra decisione", assicura Renzi confidando che "come popolo britannico sarete come sempre all'altezza della situazione".

A meno di 24 ore dal referendum sulla Brexit, il premier Matteo Renzi interviene e dà il suo parere. E continua ancora il premier: "E io credo che nel passato fu alla ricerca di una Gran Bretagna che questa isola-nazione trasformò se stessa in un faro di cooperazione, imprenditorialità, apertura, energia e innovazione". "Il problema non è che fa questo troppo ma che lo fa troppo poco e che i singoli paesi sono troppo spesso lasciati soli a gestire i loro problemi".