Bankitalia: nuovo record del debito pubblico italiano ad aprile, 2230 miliardi

Il dato è contenuto nel supplemento al Bollettino Statistico mensile. Il report diffuso da Banca d'Italia ha messo in luce anche un incremento di 1,7 miliardi del debito delle amministrazioni centrali, mentre non si registrano variazioni per quanto concerne il debito degli enti di previdenza.

Il debito pubblico italiano continua a crescere: secondo quanto si ricava dalle tabelle della Banca d'Italia è salito a 2.230,845 miliardi contro i 2.228,7 miliardi di marzo, facendo segnare un nuovo record negativo. Per Bankitalia, l'aumento del debito è stato inferiore al fabbisogno del mese (7,8 mld), grazie alla riduzione di 5,2 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro. Su un totale di 2.228 miliardi di euro di debito, ben 776 miliardi sono detenuti da stranieri, di cui 730 in titoli di stato. Ad aprile le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 28,9 miliardi, in calo rispetto ad aprile 2015 che ammontavano a 29,5 miliardi. Secondo la stima effettuata lo scorso 4 giugno dal ministro Padoan il rapporto debito/pil è destinato a calare a fronte di una crescita del pil che dovrebbe superare l'1% su base annua.

Sempre da Bankitalia arriva la comunicazione che nel primo quadrimestre del 2016 le entrate tributarie sono state complessivamente pari a 118,5 miliardi di euro, superiori di 3,3 miliardi, o del 2,9 per cento, rispetto a quelle relative allo stesso periodo dell'anno scorso.