Apple, OS X diventa macOS: ecco le novità

Apple, OS X diventa macOS: ecco le novità

E il cambio di nome non è l'unica novità della conferenza: assieme al nuovo OS, sono state infatti presentate alcune novità a livello di funzionalità, alcune delle quali erano state anticipate nei giorni precedenti. Potrà svolgere ricerche su Internet e porterà a termine semplici compiti come aggiungere appuntamenti sul calendario. Grazie alla Universal Clipboard, i contenuti degli appunti sono disponibili su tutti i dispositivi Apple via iCloud.

Mac Os Sierra e arriverà in autunno.

I contenuti in Flash continueranno ad essere riproducibili anche sui Mac tramite Safari, ma in un più limitato numero di casi. Arrivano anche delle nuove applicazioni, sempre tese a disegnare le performance della macchina sulle esigenze dell'utente: per esempio, Picture in Picture, ispirato a una funzione di iPad, permetterà di manipolare le finestre di riproduzione dei video scegliendone le dimensioni, e di lavorare contemporaneamente su molte finestre mantenendo il controllo su tutte. Il video resta al suo posto anche quando si passa da uno spazio all'altro, per non perdere neppure un fotogramma. Lo scopo evidente da parte di Apple e degli altri produttori che hanno detto basta a Flash è quello di spingere chi sviluppa siti web a utilizzare HTML5, evitando così all'utente problemi di visualizzazione e, dunque, probabili cali di traffico. Non serve più condividere le informazioni della carta di credito o debito con i negozi online, e i numeri delle carte non vengono memorizzati sul dispositivo né sui server Apple.

Altra grande innovazione è la possibilità di fare acquisti sicuri sui siti supportati sfruttando il metodo "Apple Pay": in sintesi, senza dover inserire le credenziali delle proprie carte di credito, sarà sufficiente premere sul pulsante dedicato ad Apple Play ed autorizzare il pagamento con il Touch ID dell'iPhone o con l'Apple Watch. Un sistema "forte" di codifica protegge le comunicazioni fra dispositivi e server Apple Pay, che - sottolinea Apple - non traccia i pagamenti.

La nuova funzione Memories in Foto aiuta a riscoprire i momenti più belli e magari dimenticati nella libreria di Foto, creando automaticamente raccolte speciali di occasioni come la festa del primo compleanno, il matrimonio o le vacanze. Places mostra le foto su una mappa del mondo, per indicare dove sono state scattate.

PRIVACY - Idem per la tecnologia di "Differential Privacy" che sarà integrata anche in macOS Sierra: in questo caso aiuterà a migliorare i suggerimenti di correzione automatica e i suggerimenti in Note.(ANSA). Gli utenti Mac possono registrarsial macOS Sierra Beta Program e scaricare il software su beta.apple.com da luglio. La versione finale sarà disponibile gratuitamente sul Mac App Store in autunno.