Android su iPhone: si può, con una cover

Android su iPhone: si può, con una cover

L'hardware degli iPhone è davvero notevole e ben ottimizzato, tanto da offrire prestazioni spesso superiori a quelle dei migliori top di gamma Android. Si tratta, essenzialmente, di eseguire in streaming una porzione di Android.

Nick Lee è un manager - dello studio newyorkese Tendigi - col vezzo dei progetti DIY (Do It Yourself): in pratica, gli piace da matti smanettare e realizzare progetti tecnologici artigianali di bell'aspetto. Come è stato possibile installare Android su iPhone? Sullo smartphone di Cupertino è presente una app che ha lo scopo di consentire la comunicazione con la custodia, e a quel punto il display dell'iPhone visualizza Android, che sembra girare sul melafonino, anche se in realtà è l'hardware presente nella cover a consentire l'uso dell'OS di Google.

Lo sviluppatore che ha ideato questa diavoleria sarebbe anche pronto a modificare la speciale cover, rendendola molto più sottile, se qualcuno si mostrasse effettivamente interessato al progetto. L'impresa è di Nick Lee, della società newyorchese Tendigi, lo stesso che qualche tempo fa ha eseguito il sistema Windows 95 su un Apple Watch. Questa volta sfruttando la natura open source del sistema operativo del piccolo droide verde, ha deciso di far partire una versione modificata di Andorid Marshmallow su iPhone, per farlo si è servito di una scheda madre, una batteria e un case per racchiudere il tutto. Proprio come se l'iPhone fosse animato dall'ultima emanazione androidiana.

Infine, vi sono anche un lettore di memorie SD, una porta video HDMI, una miniUSB e una USB full size.

Per ora non vi è all'orizzonte nessuna prospettiva di commercializzazione del dispositivo ma gli utenti della rete sono già stati solleticati dall'idea di possedere presto uno Smartphone ibrido targato Apple - Android.