Uomo ai domiciliari ucciso in casa

Uomo ai domiciliari ucciso in casa

Il giovane, con diversi precedenti penali per stupefacenti e rapina, stava scontando una condanna ai domiciliari.

Secondo gli agenti del commissariato di Bagnoli, che indagano sull'accaduto, qualcuno verso le 4.30 ha bussato alla sua porta e gli ha esploso contro 10 proiettili. Invace erano i suoi killer. E' morto sul colpo. Si occupano del caso i Carabinieri del Nucleo investigativo di Napoli. Escluse per il momento le ipotesi relative alle faide di camorra attualmente in corso sul quartiere e nelle aree limitrofe, viene ritenuta più probabile la pista personale, che potrebbe essere comunque legata ad affari di stupefacenti. Ma spulciando tra la bacheca di Facebook del boss emergente del rione Don Guanella, Walter Mallo, arrestato questa mattina dai carabinieri c'è l'amicizia stretta tra i due e vari commenti ai post del boss 26enne. L'uomo non era legato a nessun gruppo.