Referendum, Berlusconi attacca Confindustria: aspiranti sudditi

Referendum, Berlusconi attacca Confindustria: aspiranti sudditi

Berlusconi ha annunciato inoltre l'avvio dei comitati per il no: "Partiranno dopo le amministrative, che comunque sono il nostro obiettivo immediato". Il leader di Fi, accompagnato da Francesca Pascale, ha ricevuto grandi manifestazioni di simpatia dai sostenitori nel Teatro Metropolitan e ha stretto decine di mani firmando autografi al termine della manifestazione.

Non è certo andato giù a Silvio Berlusconi l'appoggio, seppure non del tutto esplicito e apertamente dichiarato, da parte di Confindustria a Matteo Renzi e al sì al referendum costituzionale previsto per il prossimo autunno. "Io definisco questi signori aspiranti sudditi", dice il leader di Forza Italia, ad un comizio ad Aversa nel Casertano, riferendosi alla posizione espressa dal neopresidente degli industriali, Boccia. E incalza: la riforma costituzionale è "pericolosa", è "un vestito che Renzi si è cucito addosso su misura".

Il candidato sindaco Dello Vicario ha illustrato alcuni punti focali del suo programma, non lesinando, poi, accuse a parlamentari ed esponenti di livello regionale di Forza Italia che sponsorizzano altre coalizioni, in particolare il consigliere regionale Gianpiero Zinzi.

Successivamente l'ex premier ha proseguito il tour elettorale a Caserta. "Il centrodestra unito vince, da soli si è irrilevanti".