Presidenziali Austria 2016, Norbert Hofer e Alexander Van der Bellen al ballottaggio

Presidenziali Austria 2016, Norbert Hofer e Alexander Van der Bellen al ballottaggio

Domani gli elettori sono chiamati alle urne per scegliere, al ballottaggio, il futuro presidente tra Norbert Hofer dell'estrema destra e Alexander van der Bellen l'ex leader dei Verdi.

I due sfidanti - Norbert Hofer, 45 anni, del Partito della Libertà (Fpoe, la formazione euroscettica fondata da Jorg Haider), parte con il vantaggio derivato dalla chiara e inattesa vittoria al primo turno, lo scorso 2 maggio, con il 35% dei voti. Ad una certa distanza, con il 21,3% delle preferenze, si era piazzato il 72enne candidato dei verdi Van der Bellen.

I recenti sondaggi danno comunque Hofer favorito con il 53% delle preferenze e Van der Bellen fermo al 47%, e così fanno anche la agenzie di scommesse, che puntano a Hofer come vincitore. Al ballottaggio si scontrano due candidati dei partiti all'opposizione, dopo che social-democratici e conservatori sono stati eliminati al primo turno.

I seggi resteranno aperti fino alle 17 di oggi e i primi risultati arriveranno già in serata. Ed è proprio ciò ad inquietare l'Europa, visto che un risultato del genere sancirebbe una volta per tutte l'ascesa definitiva dell'estrema destra anche nella parte occidentale del Vecchio continente. Per ciò che riguarda la funzione che potrebbe andare a ricoprire, Hofer ha anticipato che non si limiterà al ruolo di "rappresentenza" ma che sarà attento al lavoro dell'esecutivo in nome delle richieste e delle necessità degli austriaci. L'avvio della costruzione di una barriera da parte austriaca al Brennero per predisporre il cosiddetto "Grenzmanagement", ovvero il controllo sistematico dei profughi, era stato scongiurato il 13 maggio dai due ministri dell'Interno, Angelino Alfano e Wolfgang Sobotka, dopo un incontro al valico italo-austriaco. "Per controlli". Il presidente tirolese usa toni duri contro l'Italia e parla addirittura di "manovre ingannevoli", per far sì che l'Austria non innalzi recinti al Brennero.