Salone del Mobile 2016: come raggiungerlo in treno

Salone del Mobile 2016: come raggiungerlo in treno

Se tutti facessero come me, Milano non sarebbe però fulcro di una manifestazione che, nata nei primi anni '80 per la volontà di aziende attive nel settore dell'arredamento e del design industriale, è arrivata oggi a generare un giro d'affari di 250 milioni di euro. Prende il via domani una nuova edizione della Design Week, tra le vie della città il consueto e animato universo del Fuorisalone.

Così, mentre negli spazi espositivi di Fiera Milano Rho inizia oggi la 55° edizione del Salone del Mobile, i quartieri della città, da Garibaldi a Tortona, da Brera a Lambrate, assumono nuove forme e generano nuovi impulsi.

Si può partecipare al Salone del Mobile 2016 senza uscire di casa?

Una festa nella festa è quella del Design Pride: colorata e ironica, con una sfilata di carri in tema design che attraverserà le vie del centro, è la prima pop parade del Fuorisalone, organizzata da Seletti e Disaronno per mercoledì nelle strade del distretto CinqueVie. Una cifra consistente, che sicuramente impedisce ai meno esperti di varcare la soglia del Salone del Mobile 2016. L'appuntamento annuale milanese infatti si è sempre più caratterizzato come un unicum, che tiene insieme le grandi realtà produttive con il mondo variegato e ultradinamico dei creativi che si muovono spesso in modo alternativo e libero. L'iniziativa prende vita nel cuore del Ventura Design District, i cui Loft, offrendo esperienze innovative in location esclusive, diventano importanti opportunità di promozione per tutti gli operanti del settore che si chiamano fuori dagli schemi. Tranne per i primi due giorni, dove la percentuale di hotel disponibili è sotto al 10%, durante il resto dell'evento si rilevano alte percentuali di hotel con ancora almeno una stanza disponibile, un valore elevato soprattutto per il weekend: 18% la disponibilità per la notte tra venerdì e sabato, 22% per quella tra sabato e domenica. Alla sfilata di carri partecipano decine di designer e i brand Toiletpaper, Gufram, Pepsi con un progetto di Fabio Novembre e Tempo.

Sarà anche possibile provare il sistema di scrittura ibrida lanciato settimana scorsa da Moleskine, che ha messo sul mercato un taccuino digitale (disegnato da Giulio Iacchetti) dalle cui pagine è possibile trasferire uno scritto con penna speciale su un device. Ad arricchire il tutto ci saranno anche tre mostre ed un cortometraggio. A proposito del bike sharing invece, per tutto il periodo della Design Week il servizio di BikeMi resterà attivo 24 ore su 24. "Il design ha reso la nostra città punto di riferimento internazionale, grazie alla capacità tutta italiana e milanese di inventare nuove tendenze e rivisitare in chiave contemporanea antiche tradizioni".