Magistrati di sinistra infiltrati nel Movimento 5 Stelle…

Non poteva mancare la stoccata siciliana: "Il governo della Sicilia è fermo e immobile con centinaia di migliaia di disoccupati e una crescita del pil dello zero virgola". In questo modo Silvio Berlusconi, durante il suo intervento al Teatro Politeama di Palermo, descrive lo scenario politico siciliano.

"Mi ricordo quando la Sicilia era governata dal centrodestra - ha proseguito - mi ricordo che abbiamo portato l'acqua tutti i giorni ai palermitani, abbiamo aperto le autostrade, la funivia di Erice, abbiamo fatto dare dall'Europa 700 milioni in più di quelli previsti". Sapete dell'amore che da sempre mi lega alla vostra terra e da qui, dalla Sicilia deve venire la riscossa di libertà e democrazia di tutta l'Italia. Di fronte a qualche centinaio di militanti, giunti al Teatro Politeama dalle diverse zone della Sicilia, il Cavaliere ha tenuto il discorso di chiusura della manifestazione "Forza, alziamoci", ribadendo l'intenzione di "rimanere in campo" anche in vista dei prossimi appuntamenti elettorali. I 5stelle? "Fancazzisti, bisogna impedire che si prendano il Paese". E' lì non solo senza voto, ma anche con il voto di centrodestra che hanno eletto 60 senatori - ha aggiunto -. "Quel signore (Renzi ndr) fa quello che vuole, occupa militarmente tutti i posti: Eni, Poste, Rai e persino Guardia di finanza, esercito e aviazione". Riferendosi al 2011, Berlusconi ha parlato di "un colpo di Stato da parte di Gianfranco Fini e Giorgio Napolitano". A chi gli chiedeva se avesse intenzione di rottamare Berlusconi, Salvini ha dichiarato: "No, non mi piace la rottamazione, mi piace il cambiamento". Anche le mie dimissioni furono il frutto di una strategia per farci fuori, una vendetta perche' avevo ottenuto la nomina di Mario Draghi alla Bce. Sono impreparati e incapaci di governare, come hanno dimostrato a Gela e Bagheria, e il loro movimento è infiltrato dai magistrati di sinistra. Anche su Berlusconi che riapre la porta ad Alfano. "A Roma abbiamo fatto un errore grossolano, Bossi e Maroni hanno già detto che non c'è gradimento verso queste decisioni (la candidatura della Meloni)".

E poi su Twitter il governatore aggiunge:"Berlusconi in Sicilia fa il santo pellegrino insieme ai demoni del passato". Per loro un menù con una forte impronta siciliana, con panzerotti con tuma e miele, polpette di melanzane con menta e mandorle, cestini di pasta brisè con verdure e crostini, e ancora millefoglie di pasta al finocchietto di montagna e carciofi e cinisara in crosta di pistacchio al ristretto di Nero d'Avola.