Laura & Paola, Ciao Darwin, i giovani e la Rai

Battendo così la concorrenza Rai, che invece, con la seconda puntata dello show "Laura & Paola", in onda su Rai1, ha subito un netto calo, solo il 20% di share (4.930.000 di spettatori). Ribadisce il concetto perfino citando una frase di Anton Ego del film Ratatouille. Uno show non fa il 27% di share perché c'è una modella che sfila. E quello scatena il divertimento. "Una risata ci seppellirà", ha dichiarato il celebre presentatore italiano che ha concluso la sua intervista sostenendo che anche la più feroce delle critiche ha meno vita di quello che è il più mediocre dei prodotti che vengono criticati. Qui per rivedere la 5a puntata di Ciao Darwin.

Qualche esempio? In un'indagine del Censis datata 2011 e ripresa da Agicom in un documento del 2014, Ciao Darwin viene citato tra i programmi televisivi più negativi per i bambini.

"Non mi sento bene, sospendo la trasmissione, sospendo Mediaset, facciamo il 100% di share al San Camillo" ha risposto simpaticamente a chi, dietro le quinte, gli consigliava di interrompere la conduzione e gli utenti, riversati sui social a commentare le gesta delle squadre dei "Io so' io" e "Noi non semo", hanno apprezzato non poco la professionalità dello showman dedicandogli parole di grossa stima. In tv puoi informare, emozionare o divertire. "Il copione serve a sostenere l'impatto imprevedibile della natura umana che entra in scena".

In questa edizione di Ciao Darwin saranno presenti i personaggi di "Pupazzo Criminale", la serie web di Lillo &Greg. Non fa impressione? "Mi fa pensare che il linguaggio è corretto, e un prodotto pop funziona indipendentemente dalle epoche perché è trasversale. Basterebbe non essere ipocriti". "Li sente i rappresentanti al governo?" Le Iene chiedevano cos'è la Costituzione, nessuno sapeva rispondere.