Egitto cede a Riad due isole del Mar Rosso. Proteste al Cairo

Egitto cede a Riad due isole del Mar Rosso. Proteste al Cairo

Il governo egiziano ha inoltre riferito che le isole di Sanafir e Tiran sono state ufficialmente incluse all'interno della zona marittima saudita mettendo fine a decenni di controversie.

"Lo storico passo di collegare due continenti, Africa e Asia, è una trasformazione qualitativa che aumenterà il commercio transcontinentale fino a livelli senza precedenti", ha dichiarato Salman nella conferenza stampa congiunta con il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi. I soldi investiti da Riad per rafforzare la difesa egiziana attraverso contratti con la Francia si sommano a quelli che Parigi riceverà per i contratti siglati sul nucleare saudita, dove le ditte francesi si occuperanno delle opere di progettazione e costruzione degli impianti (due previsti per il 2020, sedici per il 2030). Quest'ultimo un aspetto non secondario, che ha richiesto precisazioni diplomatiche da parte del ministro della Difesa israeliana Moshe Yaloon, dato che Israele per quei confini sul Sinai e sul Mar Rosso ha combattuto guerre con l'Egitto.

Nei suoi punti più stretti il Mar Rosso è largo tra i 20 e i 35 chilometri: distanze che vengono registrate nella parte settentrionale e in coincidenza di un'importante strada di collegamento con il Cairo. Stime realizzate in passato prevedevano un costo del progetto pari ad almeno 3-4 miliardi di dollari.

Arabia Saudita e Turchia, che in Siria sostengono le forze di opposizione al regime di Bashar al-Assad, hanno rafforzato negli ultimi mesi la cooperazione a livello militare.

Cinque persone sono state arrestate quando hanno tentato di protestare contro tale accordo nel centro del Cairo, stando a quanto riferito dal Centro egiziano per i diritti economici e sociali, citato da Al Jazeera.