Alonso escluso dal Gp del Bahrain per motivi medici

Alonso escluso dal Gp del Bahrain per motivi medici

Due Tac al torace hanno evidenziato che il pilota non avrebbe potuto competere in totale sicurezza.

Adesso è ufficiale: Fernando Alonso non prenderà parte al Gran Premio di Formula 1 del Bahrain.

Sarà quel che sarà, ma sta di fatto che Alonso non riesce proprio a trovare l'amore della sua vita. Sono ovviamente dispiaciuto e deluso. La squadra mi ha dato l'ok per rientrare a casa ma io voglio restare qui e vedere i progressi della vettura.

Del resto Fernando Alonso ha sempre avuto questa mania per la privacy: nel 2013 ha chiuso la relazione con la modella russa Dasha Kapustina in seguito ad un litigio con un paparazzo e con annessa aggressione. Ma ero disposto a sopportarlo pur di scendere in pista e correre. I medici hanno però ritenuto non fosse il caso e lo capisco. Ora, pur insistendo sul fatto che tali rischi sono "molto piccoli", deve ammettere che non può dire con precisione quando potrà tornare.

Alonso non è sicuro di correre nemmeno tra due settimane in Cina: "Non lo so ancora al 100%, dovrò fare un altro test entro dieci giorni". Pertanto la McLaren schiererà in Bahrain il terzo pilota e collaudatore del team, Stoffel Vandoorne, già campione della GP2 lo scorso anno. Il pneumotorace è scomparso ma ci sono diverse costole fratturate. Per non rischiare di provocare delle fratture più grandi e rischiare di mettere in pericolo gli organi interni, i medici hanno preferito fermarmi.

Si fanno ancora sentire le conseguenze del Gran premio d'Australia. E credo che oggi sia andata molto bene, è stata davvero una buona giornata. La brutta partenza in Australia?

"Possiamo spezzare il dominio della Mercedes - dice l'asturiano - ci vorrà del tempo, ma in questo sport non esiste una formula magica".

E quindi Alonso conclude dicendo: "Ho provato fino all'ultimo, avrei voluto gareggiare, per cui c'è un po' di disappunto e di delusione".